Trends

Commercio conversazionale: Una tendenza del retail online da adottare

Gabriela Porto
Gabriela Porto September 6, 2021
Commercio conversazionale: Una tendenza del retail online da adottare

Se c’è una cosa che il distanziamento sociale imposto dalla pandemia ha dimostrato è che gli umani apprezzano e hanno estremamente bisogno delle interazioni sociali. Questa è la ragione per cui molti retailer online stanno utilizzando l’Intelligenza Artificiale, i social media e le strategie di servizio clienti personalizzate per migliorare l’esperienza di acquisto online su tutti i canali.  

Cavalcando l’onda di queste tendenze, proprio mentre si riempie il vuoto lasciato dai call center del Servizio Clienti, è nato il commercio conversazionale. Tramite tale approccio le aziende sono in grado di valorizzare il cliente come individuo, trattandolo come se fosse appena entrato dentro a un negozio fisico.

Cos’è il commercio conversazionale?

Coniato per la prima volta da Chris Messina, il termine “commercio conversazionale” si riferisce a qualsiasi tipo di conversazione in tempo reale tra brand e clienti sulle app di messaggistica, sia attraverso chatbot, Intelligenza Artificiale o anche tramite persone reali. L’obiettivo è quello di vendere o acquistare qualcosa. Ciò unisce l’estremo valore dei consigli personalizzati e dati attraverso l’interazione umana alla comodità dello shopping online, migliorando la soddisfazione dei clienti e mettendone a fuoco il percorso end-to-end.

Il commercio conversazionale va ben oltre il semplice utilizzo di app di messaggistica per la vendita di prodotti: è un assortimento combinato di differenti servizi come richieste, aggiornamenti degli ordini, informazioni di pagamento e molto altro. È quindi un metodo rapido affinché i clienti trovino esattamente ciò di cui hanno bisogno senza perdere tempo a navigare in un determinato sito alla ricerca di informazioni specifiche. 

Non sono chiacchiere! I clienti apprezzano davvero la possibilità di comunicare con i brand quando necessario. Secondo una ricerca di Facebook, oggi il 66% dei consumatori è più sicuro di realizzare un acquisto quando un’azienda è attiva sulle app di messaggistica.

Come funziona?

Queste conversazioni di solito iniziano attraverso pulsanti di Call-To-Action e link di messaggistica sparsi sui canali dello specifico brand. Il commercio conversazionale è uno strumento molto importante per il marketing online in quanto rappresenta una maniera per costruire fiducia e relazioni con i clienti anche a distanza. 

Le nuove tecnologie danno risalto al commercio conversazionale

Recentemente questa tendenza è diventata popolare grazie all’uso dell’Intelligenza Artificiale come strumento per fornire praticità e comodità sia ai clienti sia ai retailer online, accorciando il tempo di attesa dei consumatori e facendo risparmiare tempo e denaro ai proprietari delle attività. Secondo Helpshift, l’83% dei clienti entrerebbe in contatto con un servizio di messaggistica di un brand se ciò significasse ottenere una risposta immediata.

Una strategia prediletta è quella di utilizzare un mix di interazione umana e bot, creando fasi di triage per capire come reindirizzare al meglio le richieste dei clienti. L’Intelligenza Artificiale e i bot sono normalmente utilizzati dalle grandi aziende che hanno bisogno di mantenere la stessa eccellenza del Servizio Clienti su tutti i canali. Inoltre i bot forniscono in tempo reale informazioni accurate su inventario, opzioni di catalogo, tempi di consegna e molto altro. 

C&A ha innovato il commercio conversazionale utilizzando l’Intelligenza Artificiale all’interno di WhatsApp tramite un chatbot dotato delle conoscenze di un esperto assistente alle vendite pronto a vendere. L’azienda può ora offrire una navigazione del catalogo e un assortimento di servizi che va ben oltre il tradizionale Servizio Clienti. 

I chatbot sono prevedibili e pratici, ma sono anche limitati. Il boom del commercio conversazionale e i suoi vantaggi sono principalmente associati all’interazione umana e alle differenze che porta in gioco quando si chiude una vendita e si è riusciti a creare connessioni significative con i clienti. Tuttavia, si prevede che i chatbot rappresenteranno il 50% delle interazioni di commercio conversazionale entro il 2025.

I punti di forza del commercio conversazionale

Scorrevole e facile da utilizzare

Dimentica per un attimo il commercio tradizionale. I clienti possono ora evitare tutti i punti negativi dello shopping tradizionale in negozio mescolando e combinando le esperienze offerte. Il negozio è chiuso? Non hai tempo per metterti ad aspettare in fila? Nessun problema! I clienti possono vivere l’esperienza personalizzata di essere seguiti all’interno del negozio. Questa è una grande notizia perché, secondo Facebook Insights, il 58% delle persone tiene in considerazione comodità e prezzo quando decide dove fare acquisti.

È anche una buona strategia per le aziende di tutto il mondo dato che le app di messaggistica come WhatsApp, Facebook Messenger e la super app WeChat in Asia hanno guadagnato rilievo tra i clienti anche permettendo loro di comunicare con i brand in tutto il mondo. Ci sono oltre 40 milioni di utenti mensili su Facebook Messenger e oltre il 75% sostiene di aver usato l’app per comunicare con uno o più brand.

Servizi personalizzati e integrazione dei dati

Costruendo fiducia e lealtà, le imprese focalizzate sull’esperienza dei clienti hanno sperimentato grandi casi di successo utilizzando il commercio conversazionale come strumento per ridefinire lo shopping ed espandere la personalizzazione del processo di vendita. Alcuni strumenti di IA possono persino aiutare a identificare il comportamento dei clienti e a catturare feedback imparando dai clienti stessi.

Inoltre il commercio conversazionale è un grande strumento per fornire un servizio post-vendita valido e personalizzato, trattenendo i clienti e mantenendo un touchpoint di conversazione aperto tra entrambe le parti. È il caso di FARM Rio, uno dei marchi di Grupo SOMA, che richiede direttamente un feedback e utilizza WhatsApp per capire perché i clienti abbiano abbandonato il carrello. In questo modo il brand riesce ad offrire soluzioni quando il ciclo di vendita non si completa, registra le informazioni e talvolta è anche in grado di convertirle immediatamente in una vendita. 

Cosa ci si può aspettare dal commercio conversazionale?

Secondo una ricerca dell’agenzia Juniper Research, si prevede che il commercio conversazionale crescerà di oltre il 59% nei prossimi quattro anni, dimostrando come adottare tale tendenza in continua crescita possa rappresentare una grande opportunità per i retailer online di tutto il mondo. Ci sono già alcuni casi di successo di VTEX in corso d’opera proprio grazie a tale strumento.

Sei curioso di sapere in che direzione si sta muovendo il commercio conversazionale? Basta guardare l’Asia e l’America Latina, dove l’accesso alla tecnologia mobile supera l’accesso a dispositivi più complessi quando si parla di shopping online. I consumatori della regione Asia-Pacifico sono 1,26 volte più propensi della media globale a usare la messaggistica per la ricerca di un prodotto. In America Latina le persone usano WhatsApp maggiormente rispetto alla media globale generale. Solo l’anno scorso, 120 milioni di brasiliani avevano account attivi sulla piattaforma e oltre 10 milioni di proprietari di piccole imprese hanno usato WhatsApp for Business per comunicare con i clienti.

In Brasile aziende come Suiteshare e Octadesk sono state pioniere nel conquistare l’equilibrio tra contatto umano e artificiale, aumentando le vendite, indirizzando le entrate e aiutando contemporaneamente i brand a costruire la propria presenza e identità.Alla fine l’attenzione è sull’esperienza del cliente e su come rendere il processo di acquisto il più fluido possibile. Il commercio conversazionale è soltanto una delle innumerevoli strategie di ecommerce e integrazioni a portata di mano che ha dimostrato di essere molto utile quando si tratta di offrire soluzioni incentrate sui clienti e sulla loro esperienza. In un’era digitale post-pandemica, i servizi contactless, pratici e comodi stanno guadagnando sempre più terreno e stanno entrando nel cuore dei clienti ovunque.

Leggi altre: storie simili a questa
Trends

Le novità di Buy Now Pay Later

Abbiamo già discusso estensivamente del fenomeno Buy Now Pay Later (BNPL) e quali conseguenze abbia per il retail.…

Andreea Pop
Andreea Pop
Trends

È il momento di aumentare le conversioni attraverso i contenuti generati dagli utenti

Mettiti nei panni dei tuoi clienti. Stai navigando in un sito di ecommerce di elettronica alla ricerca di…

Carolina Martin Guitart
Carolina Martin Guitart
Trends

Il social selling nel settore fashion

Comprare e vendere sono sempre state attività sociali. Molto prima che arrivassero i social media, le persone si…

Larissa Coelho
Larissa Coelho
Trends

Tendenze future nell’ecommerce: Una breve panoramica

Se il 2020 è stato per molti l’anno della digitalizzazione, il 2021 appartiene certamente all’area dell’ecommerce. Mentre i…

Sorana Gheorghiade
Sorana Gheorghiade
Trends

Netflix, Walmart e la nuova era dei negozi di merchandising

Recentemente Netflix e Walmart US hanno annunciato una collaborazione relativa a un negozio online di merchandising ispirato alle…

Andreea Pop
Andreea Pop
Trends

L’era dei pagamenti digitali è arrivata

Nel corso degli anni il denaro è passato attraverso molte forme: oro, metallo, banconote, assegni, carte di credito…

Gabriela Porto
Gabriela Porto
Trends

Usedesk, il vincitore di VTEX Accelerator, ottimizza il servizio clienti

Nelle operazioni di ecommerce di solito si crede che quando si tratta di servizio clientI sia necessario scegliere…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

I 4 retailer che dimostrano l’efficacia del Live Shopping

Il Live Shopping, l’esperienza di acquisto online che combina un video in diretta con le funzionalità di un…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

Dropshipping: che cos’è?

Quando si tratta di gestire un’operazione ecommerce, bisogna prendere in considerazione diversi fattori chiave, specialmente quelli che riguardano…

Gabriela Porto
Gabriela Porto
Scoprine di più