Trends

Come si evolve il mondo del retail dell’elettronica di consumo

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar April 21, 2022
Come si evolve il mondo del retail dell’elettronica di consumo

Il settore dell’elettronica di consumo è un affascinante caso di studio per l’ecommerce: un settore in cui ogni azienda si considera un precursore e un pioniere di nuove soluzioni tecnologiche che possono espandere la quota di mercato. 

Questo processo di adattamento diventa più importante se si considera che, entro il 2023, circa il 47% dei prodotti elettronici di consumo saranno venduti online, secondo Statista. È quindi ancora più motivante essere tra quelli con le maggiori capacità di adattamento. 

La pandemia di COVID-19 non ha stimolato un processo di evoluzione all’interno dell’elettronica di consumo, ma ha portato a implementare alcuni dei più grandi cambiamenti che le aziende hanno dovuto affrontare negli ultimi due anni. Cambiamenti che vengono osservati da vicino da altri settori, e che potrebbero essere il modello per la crescita di tutto l’ecommerce negli anni a venire. Cambiamenti come quelli che analizziamo di seguito.

Il commercio DTC è più importante che mai

All’inizio del secolo, i produttori di elettronica di consumo avevano interi team di vendita dedicati esclusivamente alle relazioni con i distributori, i grossisti e i negozi al dettaglio, poiché non avevano altre vie di accesso al mercato. Non avevano quindi una presenza diretta con i consumatori. Il consumatore finale era sempre lontano dal core business.

“Nel 2013, le aziende stavano iniziando ad analizzare gli approcci direct-to-consumer, perché l’ecommerce era diventato più comodo e più facile da gestire. C’era anche la consapevolezza che c’era troppa dipendenza dai retailer che facevano un buon lavoro online, mentre i siti web dei marchi tradizionali erano molto più incentrati sulle informazioni dei prodotti”.

Thiago Garcia, VP of Customer Experience for North America presso VTEX.

Apple è stata una delle prime aziende a stabilire apertamente una presenza DTC, portando alcuni retailer a sentirsi, comprensibilmente, minacciati da questo nuovo modello di business. Tuttavia, il risultato è che nel 2017, apple.com è stato il secondo sito di retail negli Stati Uniti. 

Garcia pensa che molte aziende, oggi, capiscano che una presenza DTC non è solo uno strumento di vendita, ma anche una piattaforma che può migliorare le esperienze dei clienti pre-vendita e post-vendita, e aiutare gli acquirenti a muoversi lungo il loro percorso di acquisto in modo più facile e veloce. Anche i leader aziendali di Dell e HP sono d’accordo. 

“Il modello direct-to-consumer non solo porta alle vendite dirette, ma supporta le vendite ovunque esse avvengano. Penso che sia importante per i marchi riconoscere che la maggior parte delle vendite non avverrà direttamente, ma che va bene così, perché questi siti servono a spostare le persone attraverso il funnel, dalla prima impressione alla chiusura della vendita”.

Thiago Garcia, VP of Customer Experience for North America presso VTEX.

L’informazione è fondamentale

L’elettronica di consumo ha il grande vantaggio di vendere prodotti facili da registrare, e che talvolta è necessario registrare per attivare una garanzia. Le garanzie di un anno permettono alle aziende di rimanere in contatto con i loro clienti, suggerire nuovi prodotti che potrebbero trovare interessanti e anche suggerire prodotti simili ogni volta che c’è un’alternativa aggiornata. 

“Questa è la forza del direct-to-consumer. Non è solo questione di vendite, ma della relazione che si crea con il consumatore finale. Tutte quelle informazioni che alla fine ti prendono alla sprovvista se vendi solo a un retailer”. 

Thiago Garcia, VP of Customer Experience for North America presso VTEX.

Garcia ha anche evidenziato che alcune delle informazioni ottenute direttamente dai consumatori finali possono essere utilizzate nei dipartimenti di R&S per fabbricare prodotti che si allineano meglio alle aspettative dei clienti. Dopo tutto, se vuoi vendere a un certo cliente, dovresti sapere cosa vuole, giusto? 

L’ascesa dei cacciatori di occasioni

Il crescente numero di siti web dedicati ai brand ha portato a migliori promozioni: i marchi possono offrire prezzi più competitivi perché non hanno bisogno di tenere conto del profitto dell’intermediario e i retailer devono adattarsi a questa nuova realtà e cercare di competere in ogni modo possibile (per esempio, attraverso i marketplace).

I clienti sono diventati più attenti a queste pratiche e gli studi hanno dimostrato che fino al 49% dei prodotti elettronici di consumo acquistati sul sito web di Walmart sono stati prima cercati su Amazon.com per confrontare i prezzi. Questo significa che i retailer non possono più competere solo a partire dalla convenienza, e devono avere MVP più forti per proteggere la loro quota di mercato dai produttori.

Per alcuni prodotti elettronici, questo ha portato ad un aumento della concorrenza, simile a quella nel settore della moda: con il gruppo Alibaba, le aziende affermate hanno dovuto competere con prodotti provenienti dalla Cina, che sottoquotavano fino al 90% i prezzi al dettaglio per prodotti simili nel proprio catalogo. 

I prodotti cinesi sono stati anche in grado di scuotere la percezione di bassa qualità in alcuni segmenti come le apparecchiature audio hi-fi, il che li trasforma in una presenza molto più minacciosa per altri retailer ecommerce.

Impostare il ritmo per il futuro

L’elettronica di consumo è un settore molto particolare, che condivide elementi con i settori della moda e del lusso, ed è inoltre un punto di riferimento per l’innovazione e le nuove tendenze. Questo significa che l’evoluzione dell’ecommerce di elettronica di consumo è tutt’altro che finita, e tutti i suoi principali competitor continueranno a cercare una strategia che dia loro almeno un piccolo vantaggio sui concorrenti.

Questa prossima strategia potrebbe concretizzarsi in una migliore esperienza d’acquisto, un migliore servizio clienti post-vendita o anche una logistica più efficiente e veloce. Il consumatore avrà l’ultima parola. 

Leggi altre: storie simili a questa
Trends

Lasciati ispirare da chi innova il mondo ecommerce dell’elettronica di consumo

Il mercato dell’elettronica di consumo è uno dei più innovativi nel panorama dell’ecommerce. Le aziende di questo settore…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

Le ultime tendenze dell’ecommerce di elettronica di consumo

Il mercato dell’elettronica di consumo è uno dei settori in più rapida evoluzione nell’ecommerce. Il riconoscimento dei brand…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

La storia del Live Shopping in sintesi

Il Live Shopping (LS) è considerato all’unanimità come una delle principali forze motrici per la crescita dell’ecommerce nel…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

I principali vantaggi del Live Shopping

Il Live Shopping è uno dei canali più promettenti per l’ecommerce del prossimo futuro, tanto che acuni dei…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

4 statistiche relative al Live Shopping da tenere in considerazione

Il Live Shopping, l’esperienza di ecommerce che combina i video in diretta con le funzionalità di un tradizionale…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

5 tendenze del retail fashion online per aumentare le vendite

Ogni giorno spuntano nuove tecnologie per implementare il modello di business, migliorare l’esperienza del cliente, collegare i negozi…

Gabriela Porto
Gabriela Porto
Trends

Marketplace: cannibalizzazione del canale o sinergia?

L’ecommerce ha avuto una crescita esponenziale negli ultimi anni, spinta in parte dal successo di marketplace come Amazon…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

NFT e moda: sbloccare un nuovo mondo virtuale per l’ecommerce

I civili stanno andando sulla luna, le criptovalute sono l’ultima mania e gli universi virtuali si stanno espandendo…

Gabriela Porto
Gabriela Porto
Trends

Marketplace: minaccia, tendenza o favoletta?

Il numero di marketplace nello spazio ecommerce è esploso negli ultimi due anni. La tendenza viene stimolata soprattutto…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Scoprine di più