Strategia

4 elementi che possono ritardare il go-live di una migrazione ecommerce

Gabriela Porto
Gabriela Porto November 29, 2021
4 elementi che possono ritardare il go-live di una migrazione ecommerce

Migrare il tuo sito web da e verso diverse piattaforme di ecommerce non è un compito facile. Ci vuole tempo e dedizione per garantire un processo funzionale che non ostacoli l’evoluzione del business online, mentre si ha a che fare con le sue complessità, come i dati di prodotto, l’esperienza dell’utente, i cambiamenti della cultura aziendale interna e altro ancora. 

La necessità di passare attraverso questo processo non è, tuttavia, una coincidenza.

Il replatforming dell’ecommerce può rivelarsi necessario quando il negozio online non fornisce una buona performance o non si adatta più all’attuale piattaforma su cui è ospitato. Recentemente molti brand hanno scelto di migrare da soluzioni on-premise a servizi cloud o SaaS, per esempio. Attraverso l’esternalizzazione questi negozi ecommerce sono in grado di gestire più facilmente gli aggiornamenti, aggiungere ed eliminare nuove funzionalità senza dover scrivere troppo codice, integrarsi con i partner e analizzare i dati e le prestazioni

Con tali miglioramenti e considerando quanto la tempistica sia importante, prima viene completata la migrazione meglio è, motivo per cui le aziende devono tenere d’occhio gli elementi che possono ritardare la data del go-live della nuova piattaforma.

Cosa cercare in un progetto di migrazione ecommerce

Quando si conduce o si implementa un progetto di replatforming ci sono molti elementi da considerare. Capire come questi elementi sono interconnessi e quali sono le soluzioni più adatte è fondamentale per una migrazione di successo del sito e dei dati. 

Anche se è impegnativo e richiede molto lavoro, il replatforming è importante. Scopri con il dovuto anticipo quali sono gli elementi di cui il tuo business ha bisogno per prosperare e cosa manca attualmente nel tuo progetto: hai bisogno di più scalabilità, sicurezza, agilità? Di uno strumento facile da gestire? Stai cercando un costo totale di proprietà più basso? 

Dopo aver risposto a queste domande – e ad altre ancora – si può passare ad analizzare quali sono le difficoltà e i vantaggi della migrazione e poi capire qual è il modo più rapido possibile di completarla. 

Tieni a mente che le battute d’arresto fanno parte del processo, ma il risultato sarà comunque positivo. Ecco, dunque, cinque fattori che possono ritardare la data del go-live della migrazione e quali sono le soluzioni da applicare. 

1. Tempistiche

Prima di tutto chiediti: “È il momento giusto per migrare tutti i miei servizi su una nuova piattaforma?”. Ricorda che ci vuole tempo e dedizione per organizzare tutto, dalla migrazione dei dati, dei prodotti e dei clienti all’implementazione di nuove caratteristiche e funzionalità. Assicurati che i membri del team siano pronti e non siano occupati da altre faccende importanti come i grandi eventi retail (come il Black Friday o il periodo natalizio), le nuove collezioni o qualsiasi tipo di cambiamento del catalogo. L’intero team deve essere consapevole del processo di migrazione e delle difficoltà che ne derivano.

Un buon consiglio è cercare di organizzare tutti i processi di replatforming per allinearsi con una data di lancio plausibile. In questo modo la migrazione del sito può avvenire fluidamente e, se sono necessari cambiamenti o aggiustamenti, c’è tempo e spazio per farli. Il tuo sito web sarà ancora attivo e i clienti staranno ancora acquistando, quindi il tuo business funzionerà ugualmente nonostante la migrazione. 

2. Processi interni e cultura aziendale

Il processo di migrazione del sito ecommerce coinvolge non solo la parte tecnica ma anche il lato aziendale. Come abbiamo già detto, la migrazione è uno sviluppo grande e travolgente che richiede molti cambiamenti. Spostare le piattaforme significa spostare partner, cultura e processi tra tutti i sistemi esistenti. 

È fondamentale determinare e identificare coloro che saranno più coinvolti nel progetto e i leader responsabili e le squadre che guideranno il replatforming del sito ecommerce. Poiché si tratta di un grande progetto, molto probabilmente questo si estenderà a tutta l’azienda coinvolgendo marketing, servizio clienti, finanza, logistica, ufficio legale, ecc. In poche parole dovresti coinvolgere nel progetto i membri essenziali del team e tenere tutti gli altri informati, fornendo loro un piano d’azione da seguire se sono in qualche modo interessati.

È anche importante definire qual è la strategia scelta. La migrazione avverrà con persone interne o con un team/agenzia esterna? Se in-house, i tuoi dipendenti, che saranno direttamente coinvolti nel processo, hanno bisogno di sapere di più sulla nuova piattaforma a cui stanno migrando. 

Se è coinvolto un team esterno, assicurati che l’onboarding sia il più armonico possibile. Identifica come questi team funzionano e come la leadership può costruire una strategia per integrare i gruppi. Sembra un dettaglio irrilevante, ma una buona dinamica di squadra tra tutte le aree dell’azienda può animare o rovinare il progetto di migrazione della piattaforma.

3. Migrazione dei dati

I dati, in questo caso, sono qualsiasi tipo di informazione riservata che non può andare persa. Che si tratti dei tuoi prodotti, dei tuoi clienti o dei loro ordini, durante la migrazione devi assicurarti che i dati corretti siano protetti e adeguatamente trasferiti alla nuova piattaforma ecommerce. Si raccomanda di fare il backup dei dati del tuo vecchio negozio ecommerce (prodotti, clienti e ordini) per essere sicuri di non perdere queste informazioni in caso di errore. 

Inoltre memorizzare tutti i dati è fondamentale se vuoi in seguito confrontare le due piattaforme di ecommerce.

4. Test

Prima del go-live è necessario fare alcune prove. Non sarà tutto perfetto fin dall’inizio e potrebbero essere necessari alcuni aggiustamenti per quanto riguarda il catalogo, la descrizione dei prodotti, i prezzi e cose più operative di back-end come l’elaborazione dei dati e la gestione degli ordini. 

Per non disturbare l’esperienza del cliente sul tuo sito web, assicurati di avere una squadra di persone pronte ad affrontare qualsiasi tipo di problema o imprevisto. Esegui diversi test, tenendo conto di eventuali problemi che potrebbero sorgere e assicurati che le prestazioni del sito web siano elevate. 

L’obiettivo è quello di mettere sotto stress il tuo sito web il più possibile per verificare che non deluderà il tuo business o i tuoi clienti una volta che il negozio sarà attivo.

Niente è per sempre

Per concludere sappi che ogni caso è diverso e ha la sua serie di complessità. Migrare con successo le piattaforme di ecommerce può portare benefici a lungo termine per tutti i tipi di aziende. Aspettati qualche intoppo lungo il percorso ma non lasciarti abbattere.

Dalle vendite all’esperienza del cliente, il replatforming verso una piattaforma ecommerce cloud è un modo per mantenere il tuo negozio online aggiornato rispetto qualsiasi tipo di cambiamento. Questa scelta renderà il tuo business a prova di futuro ed è fondamentale quando si tratta di ecommerce, perché in questo ambiente ci sono continui elementi mutevoli, aggiornamenti e cambiamenti di strategia. 

Come VTEX può aiutarti

VTEX offre scalabilità dinamica, sicurezza e servizi oltre a valore aggiunto, facilità d’uso, manutenzione semplificata delle applicazioni e un TCO più basso, il tutto grazie a una piattaforma commerciale a struttura cloud in esecuzione su AWS. Ciò significa che è basata su microservizi, completamente abilitata alle API e, soprattutto, scalabile e affidabile. Con un’infrastruttura SaaS multi-tenant, la piattaforma VTEX offre alle aziende di commercio digitale una maggiore flessibilità e agilità per stare al passo con le aspettative dei clienti e le esigenze aziendali. Inoltre, grazie alla tecnologia headless, il time-to-market medio della migrazione per i nostri clienti è di 90 giorni.

Leggi altre: storie simili a questa
Strategia

Come rendere il tuo ecommerce B2B più accattivante

L’ecommerce è cresciuto molto negli ultimi anni ed è diventato sempre più presente nella vita di molti consumatori.…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Strategia

Come l’app VTEX Live Shopping può incrementare la tua crescita

Il Live Shopping è considerato il futuro dell’ecommerce e ha catturato l’attenzione di molti brand che vogliono far…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Strategia

Come i contenuti di Live Shopping possono avere un impatto che va oltre lo streaming

Il Live Shopping è una delle tendenze più importanti nel prossimo futuro dell’ecommerce, soprattutto per l’elevato coinvolgimento che…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Strategia

Le migliori pratiche per la gestione omnicanale

Quando si parla di omnicanale, si pensa che sia un concetto nuovo creato dai professionisti del campo. Ciò…

Kathy Dyer
Kathy Dyer
Strategia

Cosa dovrebbero tenere in considerazione i brand di elettronica di consumo quando scelgono una piattaforma ecommerce

Il mercato dell’elettronica di consumo è uno dei settori che ha maggior successo nel mondo dell’ecommerce. Le aziende…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Strategy

Ecommerce multicanale e omnicanale: capire le differenze

Il retail tradizionale si è evoluto rapidamente negli ultimi anni, spostandosi gradualmente verso il regno digitale, soprattutto dopo…

Omar Trejo
Omar Trejo
Strategia

Competenze ecommerce di un professionista del commercio digitale

Essendo un’azienda che mira a diventare la voce di riferimento del settore del commercio digitale, VTEX comprende il…

Adriane Almeida
Adriane Almeida
Strategia

Come sviluppare una strategia omnicanale: quattro elementi da considerare

Cos’è una strategia omnicanale? La strategia omnicanale riunisce il commercio digitale, il commercio fisico, il commercio multicanale, il…

Robert Cain
Robert Cain
Strategia

Nove differenze fondamentali tra ecommerce B2C e B2B

Hai mai pensato a come ogni modello di business richiede un’architettura e un insieme di caratteristiche differenti? Un…

Iris Irikura
Iris Irikura
Scoprine di più