Trends

È il momento di aumentare le conversioni attraverso i contenuti generati dagli utenti

Carolina Martin Guitart
Carolina Martin Guitart December 24, 2021
È il momento di aumentare le conversioni attraverso i contenuti generati dagli utenti

Mettiti nei panni dei tuoi clienti. Stai navigando in un sito di ecommerce di elettronica alla ricerca di un nuovo frigorifero e improvvisamente scopri che la tua “mamma influencer” preferita ha lo stesso elettrodomestico in casa sua. 

Come lo scopri? Trovando la sua foto sulla pagina del prodotto, che ti aiuta a farti un’idea di quanto è grande quel frigorifero e di come si presenta in una vera cucina. Ti infonde anche la fiducia necessaria per fare un acquisto, proprio come la recensione di un cliente!  

Questo si chiama contenuto generato dagli utenti (UGC, User Generated Content) ed è il prossimo grande passo per aumentare il coinvolgimento dei clienti e il tasso di conversione di un sito web.

Tutti possono diventare un influencer

L’era delle persone perfette che pubblicizzano prodotti perfetti è finita. Oggi siamo più attratti dalle pubblicità con persone che rappresentano diverse culture, generi, etnie, età e particolarità. I clienti sono anche più propensi ad affidarsi ai suggerimenti di amici, familiari e conoscenti, anche se solo virtualmente nel caso degli influencer. 

I brand hanno anche capito che un genitore che erroneamente veste il proprio figlio in abiti da judo per la partita di basket vende di più di una famiglia perfetta mentre prende un perfetto tè pomeridiano. La ragione per cui i consumatori trovano attraente questa imperfezione è semplice: si vedono riflessi in questi piccoli errori quotidiani molto più che in un’immagine educata, pulita e ben strutturata.

Questo è esattamente quello che succede con i contenuti generati dagli utenti. Come suggerisce il nome, gli utenti stessi creano e condividono contenuti, comprese le notizie sui loro ultimi acquisti, sui social network. Il fenomeno può essere organico (non pagato) o sponsorizzato (pagato), ma il fatto è che tutti sono ora creatori di contenuti. 

Condividere i propri acquisti su Instagram, per esempio, è ormai normale, mentre non farlo è anormale. Ora hai la possibilità di taggare l’account del marchio, attingere a un seguito più grande usando gli hashtag del brand e persino essere ripubblicato tramite una story o una foto del feed, ottenendo potenzialmente più like e follower ed anche dopamina.  

La risposta dei brand

Nel 2020 il numero medio di post settimanali dei brand su Instagram è stato di quattro e, scavando nei settori specifici, vediamo che i marchi di moda hanno prodotto di più, con una media di 6,7 post a settimana. Se si combinano i contenuti di tutti questi marchi con il numero di post generati dai singoli utenti, si ha una miniera d’oro in continua crescita pronta per essere sfruttata.

Quindi cosa possono fare i brand con questo contenuto creato organicamente? In primo luogo, possono dare visibilità ai loro clienti mostrando le loro foto condivise sui loro siti web, migliorando l’esperienza e il coinvolgimento dei clienti. Infatti gli acquirenti amano sentire di essere ascoltati e trattati con importanza dai loro brand preferiti, e una semplice integrazione dei contenuti generati dagli utenti può fare la magia. Inoltre, avere testimonianze dei clienti, sia scritte attraverso recensioni sia visivamente attraverso foto, può fornire una riprova sociale e influenzare notevolmente le scelte di acquisto di coloro che stanno “solo curiosando”.

In secondo luogo, i brand possono fornire un’altra visione dei beni che offrono. Mostrando più immagini di un prodotto, il consumatore può capire meglio com’è quel tessuto, come stanno quei jeans su una persona più bassa, o anche come appare il colore dell’articolo in una luce più naturale, non da studio.  I contenuti generati dagli utenti superano la realtà virtuale (VR) in ogni momento.

Suggerimenti e strategie

Ecco alcune lezioni apprese quando ero project manager di progetti dedicati ai contenuti generati dagli utenti in una delle più grandi aziende di moda in Spagna.

  • Cerca gli influencer emergenti.  Il costo di assumere un modello professionale è molto alto, mentre alcuni influencer possono pubblicizzare gratuitamente i prodotti che invii loro. E, se scelti bene, questi influencer possono far conoscere il brand a un pubblico più ampio. Le statistiche dicono che il 50% delle persone hanno visitato un sito web per fare un acquisto dopo aver visto un prodotto o un servizio su Instagram.
  • Scegli una combinazione di contenuti generati dagli utenti e video professionali. Per esempio, nel settore della moda, i modelli professionisti non rappresentano realisticamente tutte le forme del corpo, quindi le “persone normali” possono offrire ai clienti informazioni visive da una prospettiva più reale. Secondo alcuni studi, l’utilizzo di una combinazione di contenuti generati dagli utenti e di video professionali può aiutare ad aumentare le vendite fino al 35%
  • Più immagini/video ci sono nella pagina di annuncio del prodotto (PDP), più alta è la conversione. Il vero problema nel bilancio di un ecommerce nel settore della moda sono i resi. Secondo recenti indagini sui consumatori, il 45% degli acquirenti online non completa un acquisto se le informazioni sul prodotto sono insufficienti. Quindi, includere più immagini significa offrire più informazioni sull’articolo e ridurre i resi. 
  • La visualizzazione di contenuti organici sul sito web fa sentire l’utente speciale. Selezionare quali immagini mostrare sul sito web del tuo brand tra tutti i post taggati può sembrare un compito noioso. E se si aggiunge la fase di richiesta dei diritti, condividere contenuti generati dagli utenti nel tuo negozio online richiede ancora più tempo. Ma l’utente ha prima taggato il brand per un motivo (farsi notare) e se la sua immagine finisce per essere visualizzata, percepirà più lealtà, diffonderà la parola e ripeterà il processo, aumentando il valore di vita del cliente (CLV).
  • C’è un senso di “comunità” nell’usare un hashtag specifico che ti collega a un brand. Tutti i marchi dovrebbero considerare di avere il proprio hashtag specifico e identificabile, soprattutto quelli che si rivolgono al consumatore della Generazione Z, che rappresenta il 40% dei consumatori globali.
  • Rimanere in linea con il brand. Può sembrare che non tutte le foto condivise su Instagram si adattino al look and feel del tuo sito web o feed, ma applicare un buon filtro e selezionare quelle più rilevanti può essere la chiave per aumentare il tuo tasso di conversione e il coinvolgimento.

Una situazione vantaggiosa per tutti

Indipendentemente dal fatto che tu gestisca un canale ecommerce di moda o un negozio online di mobili, l’implementazione del widget che visualizza il contenuto dell’utente sulla pagina del prodotto può fornire informazioni più efficaci e regalare un tocco di realtà allo SKU virtuale. 

Allo stesso tempo, condividendo quei contenuti e avviando campagne dedicate ai contenuti generati dagli utenti, si aumenta notevolmente il coinvolgimento dei clienti e si persuade gli altri a continuare a postare i tuoi prodotti, per non parlare di comprarli. In definitiva, tutti vincono con questa strategia di marketing.

Leggi altre: storie simili a questa
Trends

Le novità di Buy Now Pay Later

Abbiamo già discusso estensivamente del fenomeno Buy Now Pay Later (BNPL) e quali conseguenze abbia per il retail.…

Andreea Pop
Andreea Pop
Trends

Il social selling nel settore fashion

Comprare e vendere sono sempre state attività sociali. Molto prima che arrivassero i social media, le persone si…

Larissa Coelho
Larissa Coelho
Trends

Tendenze future nell’ecommerce: Una breve panoramica

Se il 2020 è stato per molti l’anno della digitalizzazione, il 2021 appartiene certamente all’area dell’ecommerce. Mentre i…

Sorana Gheorghiade
Sorana Gheorghiade
Trends

Netflix, Walmart e la nuova era dei negozi di merchandising

Recentemente Netflix e Walmart US hanno annunciato una collaborazione relativa a un negozio online di merchandising ispirato alle…

Andreea Pop
Andreea Pop
Trends

L’era dei pagamenti digitali è arrivata

Nel corso degli anni il denaro è passato attraverso molte forme: oro, metallo, banconote, assegni, carte di credito…

Gabriela Porto
Gabriela Porto
Trends

Usedesk, il vincitore di VTEX Accelerator, ottimizza il servizio clienti

Nelle operazioni di ecommerce di solito si crede che quando si tratta di servizio clientI sia necessario scegliere…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

I 4 retailer che dimostrano l’efficacia del Live Shopping

Il Live Shopping, l’esperienza di acquisto online che combina un video in diretta con le funzionalità di un…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

Dropshipping: che cos’è?

Quando si tratta di gestire un’operazione ecommerce, bisogna prendere in considerazione diversi fattori chiave, specialmente quelli che riguardano…

Gabriela Porto
Gabriela Porto
Trends

L’azienda che ha vinto VTEX Accelerator, Photoslurp, mescola i contenuti creati dagli utenti all’ecommerce

I social network hanno trasformato milioni di persone in creatori di contenuti durante l’ultimo decennio. L’ascesa degli influencer…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Scoprine di più