Culture

Women in Leadership #2: Daniela Jurado, EMEA General Manager presso VTEX

Andreea Pop
Andreea Pop March 8, 2022
Women in Leadership #2: Daniela Jurado, EMEA General Manager presso VTEX

Eccoci di ritorno con un’altra puntata della nostra serie di contenuti Women in Leadership, in cui celebriamo la leadership femminile che ha contraddistinto il percorso di VTEX. Oggi in particolare, in occasione della Giornata internazionale della donna, siamo orgogliosi di scoprire di più su Daniela Jurado Jabba, la nostra EMEA General Manager, fresca di nomina.  

Informazioni su Daniela

Daniela è nata e cresciuta in Colombia. Costantemente alla ricerca del sapere, ha frequentato l’Universidad Externado de Colombia e si è laureata con lode in Relazioni internazionali, dopo aver ottenuto la media dei voti più alta dell’intera coorte. Da quel momento in avanti, ha ricoperto diversi ruoli legati al business e, nel 2015, è entrata a far parte di VTEX. Il seguito corrisponde alla definizione di “fare carriera“. 

Ciao Daniela! Per iniziare, puoi dirci di più sulla tua area attuale e sulle tue responsabilità presso VTEX. 

Daniela: Ciao! In sintesi, in qualità di General Manager, guido tre aree distinte in EMEA. La prima è quella di Sales, che si occupa della crescita. La seconda è quella di CX, ovvero la Customer Experience, i cui obiettivi sono, ad esempio, mantenere la soddisfazione dei nostri clienti attuali e aumentare le entrate per cliente attraverso le cosiddette same-store sales, senza dimenticare di evitare il più possibile il tasso di abbandono. 

La terza area è quella che chiamiamo Growth Engineering. È l’area più tecnica e anche quella nella quale ho meno esperienza. Mentre l’area Sales è la mia zona di comfort, la Product è più impegnativa, poiché non ho un background tecnico. Ma amo imparare con la pratica e ho anche le persone giuste che mi aiutano nel farlo il che, a mio parere, è una delle maggiori sfide dell’essere manager! 

E sicuramente hai fatto molto! Quali ritieni siano i tuoi traguardi professionali più importanti finora?

Daniela: La prima cosa che mi viene in mente è essere diventata madre in concomitanza con la promozione presso VTEX. È stato un traguardo sia personale che professionale. 

In generale, crescere rapidamente al fianco di VTEX è stata un’opportunità incredibile, per la quale devo ringraziare Mariano, fondatore e co-CEO di VTEX. Inizialmente, sono stata Partner Program Manager a livello locale e poi globale, successivamente sono passata al ruolo di Sales Director e, poco dopo, mi è stata affidata l’apertura di un nuovo mercato in Italia, senza nemmeno parlare la lingua. Ora, avere la responsabilità dell’EMEA, con più di 10 Paesi, rappresenta un altro traguardo. 

Sono anche molto orgogliosa dei miei risultati accademici passati. Durante ciascuno dei miei otto semestri all’università, sono riuscita a ottenere la media dei voti più alta dell’intera classe. Per questo motivo ho ricevuto delle borse di studio, che sono state di grande aiuto ai miei genitori e, a posteriori, alla mia crescita professionale. 

Parliamo di persone a cui tieni: hai delle figure di riferimento?

Daniela: Odio dare risposte “banali”, ma le mie figure di riferimento sono mia madre e mia sorella, ciascuna per ragioni diverse. Mia madre, per esempio, è estremamente altruista e mette sempre la famiglia al primo posto. Mia sorella, d’altro canto, è una professionista davvero valida che si occupa in maniera eccellente anche dei suoi due figli, un connubio straordinario, dal mio punto di vista.  

Sul piano professionale, ammiro Marissa Mayer. Mi riconosco nella sua persona perché anche lei si è trasferita a Yahoo! in qualità di CEO quando era incinta e cercava sempre di trovare l’equilibrio tra il suo ruolo di mamma e di CEO, nel miglior modo possibile. 

Sulla leadership

Quali sono le lezioni più importanti che hai imparato dall’essere una leader? 

Daniela: Ho imparato che è impossibile piacere a tutti. Questo è di solito il nostro obiettivo, in qualità di leader, ma il nostro lavoro prevede aspetti difficili, come mettere le persone sotto pressione, dire loro che potrebbero fare di meglio, ecc. Mi ci è voluto un po’ per capire che fare le cose difficili quando la situazione lo richiede fa parte dell’essere un buon leader. 

Una seconda lezione è stata quella di responsabilizzare le persone. Devi dare loro la libertà di sperimentare, provare cose nuove e commettere errori. Ovviamente, se vedi una persona commettere lo stesso errore più volte, devi intervenire, il che riporta al punto precedente: le persone non apprezzeranno ciò che fai, ma devi farlo. 

Il terzo insegnamento è forse elementare, ma devi dare l’esempio. Ho sentito persone dire che il capo è quello che lavora di meno perché deve solo delegare, ma per me è l’esatto opposto. Se voglio che gli altri lavorino, devo lavorare più di loro. Se voglio che gli altri siano proattivi, devo essere la più proattiva. 

Che lezioni incredibili! Quando pensi all’essere una leader presso VTEX, quale aspetto ti rende più orgogliosa?

Daniela: In generale, sono fiera di fidarmi del mio intuito. Dopo aver iniziato a lavorare presso VTEX, ad esempio, ho ricevuto un’offerta straordinaria per entrare a far parte di una nota azienda multinazionale. Al tempo, VTEX non era paragonabile per importanza, quindi tutte le persone che mi circondavano mi dicevano di accettare. Ma ho scelto di rimanere in VTEX e ora sono qui, una decisione per la quale sono grata. 

Poi, direi sicuramente il mio viaggio in Italia. Quando mi è stato proposto per la prima volta il ruolo di Country Manager, ero in Brasile, sposata da poco, e non conoscevo l’italiano. Non era nei miei programmi, ma ho comunque detto di sì. Ripensare al passato e vedere fino a che punto abbiamo portato l’azienda in soli tre anni mi rende estremamente fiera. 

Dovresti proprio essere orgogliosa, sei stata una vera e propria Wonder Woman! Allora come metti in pratica, nel quotidiano, l’armonia tra lavoro e vita privata, visto che sei anche una giovane mamma? 

Daniela: Purtroppo non esiste una formula magica per conciliare lavoro e famiglia. Sto ancora cercando di trovare il giusto equilibrio, ma posso dire che va molto meglio di prima. 

Quando diventi mamma, inizi a capire che ci sono altre priorità nella vita, e non è che il lavoro non lo sia più, perché lo sarà sempre, ma ora c’è qualcos’altro a cui devi dare la precedenza. 

Nella vita di tutti i giorni, cerco di limitare il mio orario di lavoro. Cerco di terminare di lavorare tra le sette e le otto e dopo trascorro del tempo di qualità con la mia famiglia, con il telefono lontano. Penso che anche la qualità sia importante: a volte puoi passare ore con qualcuno senza essere completamente presente, ma non è quello che voglio; voglio esserci al 100% nel tempo che ho a disposizione.  

Un altro confine è che non lavoro durante il fine settimana. Se un cliente ha un’emergenza, non rifiuto mai una telefonata, ma se è qualcosa che può aspettare fino al lunedì, chiedo di aspettare. Inoltre, quando devo viaggiare, preferisco svegliarmi molto presto per prendere un aereo invece di passare la notte in hotel, lontano dalla mia famiglia.  

In conclusione, ho bisogno di proteggere il tempo prezioso che ho non solo con mio figlio, ma anche con mio marito, perché se non stai bene dal punto di vista personale, ciò si rifletterà senza dubbio sulla tua vita professionale. Devi essere felice nella tua vita privata per essere in grado di realizzarti professionalmente e viceversa. 

Ti è mai capitato di affrontare l’ignoto e di rimanere positivamente sorpresa?

Daniela: In generale, la mia storia presso VTEX ha riguardato il buttarmi senza sapere cosa sarebbe successo dopo. Assumendo la guida dell’Italia e dell’Europa occidentale, per esempio. O vedermi assegnato un team che non ho scelto io, cosa sempre difficile per entrambe le parti. 

Anche l’assunzione dell’incarico di General Manager per l’EMEA rientra in questa categoria di esempi, perché sto lavorando con molte regioni diverse che sono un’assoluta novità per me, come l’Africa e il Medio Oriente. 

Quale aspetto su cui non tutti concordano ritieni che non sia negoziabile nel tuo stile di leadership?

Daniela: Oh, è difficile! Ma probabilmente il fatto che a volte mi intrometto, quando lo ritengo necessario. Alcune persone lo definiscono micromanagement, ma io lo chiamo assicurarsi che tutto proceda al meglio. 

Inoltre, la comunicazione. Spesso il problema non è che non riesci a risolvere qualcosa, ma che crei false aspettative. Se prometti di consegnare qualcosa entro domani, devi farlo entro domani, indipendentemente dal fatto che tu faccia affidamento o meno su qualcun altro. Non possiamo usare le relazioni di dipendenza come scusa per non fornire i nostri migliori risultati e rispettare i nostri valori. 

Non fa una piega. Qualche altro consiglio per le donne che stanno per assumere posizioni di leadership?

Daniela: Ho imparato che ci vuole del tempo perché le persone vi ammirino e vi rispettino, e che dovete concedere loro quel tempo. Le donne in ruoli di leadership non possono mettersi sulla difensiva al riguardo. Invece, bisogna dare a tutti l’opportunità di iniziare a fidarsi di voi. In questo modo, potrete diventare leader grazie all’ammirazione piuttosto che per imposizione. 

Il mio secondo consiglio è di correre il rischio. Di solito siamo noi a ostacolare il nostro cammino, poiché ci sottovalutiamo solo perché non soddisfiamo al 100% i requisiti. Beh, sapete una cosa? Probabilmente nessuno lo fa, quindi correte il rischio! 

Molte persone ti ammirano, quindi hai proprio ragione! Detto questo, grazie mille per aver condiviso tutto ciò con noi, è stato un grande piacere conoscerti. 

Daniela: Piacere mio!

Restate sintonizzati per altre storie ispiratrici delle nostre donne leader.  

Leggi altre: storie simili a questa
Culture

Women in Leadership #3: Astha Malik, COO di VTEX

Noi di VTEX, siamo fieri della nostra leadership femminile. Ecco perché abbiamo dato il via alla nostra serie…

Andreea Pop
Andreea Pop
Culture

Women in Leadership #1: Fernanda Weiden, CTO di VTEX

In VTEX, crediamo che insieme siamo inarrestabili quando integriamo background, esperienze e competenze per trasformare il mondo del…

Andreea Pop
Andreea Pop
Culture

Come un tirocinante di VTEX ha raddoppiato le entrate di uno tra i più importanti retailer

In quanto membri di VTEX abbiamo alcuni obblighi: uno è garantire il successo dei nostri clienti, e un…

Lucila Thompson
Lucila Thompson
Culture

Beyond Predictable – Superare le sfide della carriera con fiducia e integrità

Prendere decisioni su questioni non banali può essere scoraggiante, ma sicuramente non deve paralizzare. Il segno distintivo di…

VTEX
VTEX
Culture

Lavorare nel tech: un’opportunità per tutti

Tante persone in cerca di lavoro e provenienti da settori diversi da quello tecnologico vedono le aziende tech…

Andreea Pop
Andreea Pop
Scoprine di più