Culture

Women in Leadership #1: Fernanda Weiden, CTO di VTEX

Andreea Pop
Andreea Pop February 8, 2022
Women in Leadership #1: Fernanda Weiden, CTO di VTEX

In VTEX, crediamo che insieme siamo inarrestabili quando integriamo background, esperienze e competenze per trasformare il mondo del commercio, il tutto sotto la migliore guida possibile. I percorsi significativi dei nostri leader toccano tutti i VTEXer e ci ispirano a costruire una carriera rivolta al futuro. Questo è ancora più vero per le nostre leader, che hanno anche dovuto affrontare la disuguaglianza di genere durante la loro vita per raggiungere posizioni di leadership. 

Per celebrare la magnifica leadership femminile che fa brillare ancora di più la rosa di VTEX, siamo più che felici di raccontare le storie di queste donne nella serie di contenuti Women in Leadership. In questo e nei futuri blogpost scoprirai di più sulle loro carriere, le loro conoscenze, i loro alti e bassi, oltre a ottenere preziosi consigli. 

La prima intervista è a Fernanda Weiden, la nostra nuova Chief Technology Officer

Informazioni su Fernanda

Fernanda Weiden è cresciuta a Porto Alegre, in Brasile. Autodefinitasi problem solver con più di 20 anni di esperienza, è specializzata nello sviluppo di soluzioni globali scalabili con particolare attenzione all’ingegneria dell’affidabilità del sito (SRE). Prima di entrare in VTEX, ha lavorato in Facebook, Google e IBM. 

Sappiamo che la tua carriera è stata una montagna russa. Quali tappe importanti puoi condividere con noi?

Fernanda: All’inizio della mia carriera ho sperimentato i sistemi e Linux da sola, ma non ci ho lavorato veramente. Poi ho trovato un lavoro legato al supporto informatico. Il capo del team di sviluppo software di quell’azienda aveva bisogno di qualcuno che ci capisse qualcosa di Linux, così mi diede l’opportunità di lavorare con lui. È stato un grande cambiamento, perché sono passata dal supporto IT all’ambiente di sviluppo del software. 

Il secondo cambiamento è stato quando sono stata coinvolta nella comunità brasiliana del software libero dove ho fatto un sacco di cose. Poi ho incontrato un manager IBM che gestiva un laboratorio di sviluppo software in Brasile chiamato Linux Technology Centre, che mi ha offerto un lavoro. Credo che questo sia stato il secondo punto di svolta, perché è stato allora che ho dovuto imparare l’inglese e aprirmi ad ambienti internazionali e a grandi aziende. 

Il passo successivo è stato quando mi sono trasferita dal Brasile per lavorare con Google. Avevo un po’ la sindrome dell’impostore e non avrei mai immaginato che Google mi avrebbe offerto un lavoro, così mi sono chiesta: “Perché dovrebbero volere qualcosa da me?

Entrare in Google era quello che mi stava succedendo professionalmente, ma a livello personale, trasferirmi all’estero è stata una delle esperienze più trasformative, perché ha cambiato la mia prospettiva sul mondo, sulle diverse culture e sui diversi modi di approcciare le cose nella vita. 

Qualche anno dopo ho preso coraggio e sono passata a Facebook. Mi hanno anche abbassato molto lo stipendio e mia madre mi ha detto che stavo rovinando la mia carriera, perché nessuno parlava di questa azienda nel 2012. 

E dopo Facebook, ora c’è VTEX. Ognuno di questi passaggi ha richiesto una grande trasformazione e ho imparato molto sulla gestione e sulla tecnologia. È stato un percorso incredibile e ora sono sicura che mi sto imbarcando in un altro viaggio che sarà una svolta per la mia crescita personale. 

Puoi raccontarci una situazione in cui hai dovuto affrontare l’ignoto e sei rimasta positivamente sorpresa?

Fernanda: Quando mi sono trasferita in Svizzera nel 2006 per lavorare a Google. Avevo 23 anni, era la mia prima volta nel paese, avevo solo 80 euro nel portafoglio, Lufthansa aveva perso il mio bagaglio, non conoscevo nessuno e il mio inglese non era molto buono… e non c’erano smartphone. 

Ricordo che sono andata all’appartamento aziendale a Zurigo dove Google mi aveva collocato e il lunedì mattina, quando sono uscita per andare a lavorare, mi sono subito resa conto che non sapevo nemmeno se dovevo girare a destra o a sinistra e non avevo idea di dove fossi e la mappa era confusa e mi sono sentita molto male in quel momento. La gente idealizza la vita all’estero, ma può essere molto difficile. Mi sono davvero buttata nell’ignoto ed è stato un viaggio folle di cui sono grata. 

È stato un percorso molto intenso! E ora che sei entrata in VTEX, puoi dirci di più sull’area che gestisci e quali sono le tue responsabilità? 

Fernanda: Sono responsabile della tecnologia in VTEX, che comprende tre grandi ambiti: ingegneria, prodotto e design. L’ingegneria è la mia zona di comfort, è quello che ho fatto per 20 anni della mia vita. Tuttavia, il prodotto e il design sono un mondo nuovo, così come imparare l’ecommerce, che non è qualcosa di cui so molto. Ma il processo di apprendimento è parte della proposta di valore per me. 

In generale il mio ruolo spazia dall’identificazione di nuove opportunità per realizzare la nostra visione, al rendere queste soluzioni disponibili ai nostri clienti in un modo che sia sostenibile a lungo termine anche per noi come azienda. Significa anche coltivare i talenti già presenti nel team e attrarne di nuovi per costruire un futuro straordinario per l’ecosistema del commercio digitale.

Sulla leadership

Quali sono i più grandi insegnamenti che hai accumulato nei tuoi ruoli di leadership? 

Fernanda: Una delle lezioni apprese è che la differenza tra essere un professionista eccellente e uno medio non è la capacità tecnica. Ci possono essere persone tecnicamente eccellenti che non sono eccellenti nel loro lavoro perché mancano di soft skills. Quindi le soft skills e gli aspetti umani del lavoro sono estremamente importanti, così come la capacità di vedere veramente le persone e di incontrarle dove sono e di bilanciare gli interessi dell’azienda con quelli dell’individuo.

In secondo luogo, quando sei un leader tecnologico che sta per diventare un manager, hai la sensazione di non fare più nulla, perché devi fare tutto attraverso gli altri. E poi ti dici “ok, ci sono” ma non è così, quindi devi imparare. Dopo un po’ si diventa manager di manager e si torna al punto di partenza. In breve, devi imparare a influenzare le persone che possono influenzare gli altri per ottenere i risultati. 

La terza realizzazione è che sarei stata una leader migliore solo quando avrei lasciato il mio attaccamento al lavoro sui singoli collaboratori. È meglio cercare di far pensare alle persone in modo diverso su come fare il loro lavoro sfidandole, e non facendo il lavoro per loro. Ecco perché credo che la gestione all’inizio sia più una scienza e, man mano che si sale nella gerarchia, diventa un’arte.

E che artista sei! A questo proposito, quali sono i punti salienti dell’essere in una posizione di leadership in VTEX?

Fernanda: Una cosa che trovo molto speciale di VTEX è che si tratta di un’azienda tecnologica brasiliana che sta costruendo un prodotto di commercio digitale globale, piuttosto che una versione brasiliana di un prodotto uscito dall’Europa o altrove. Questo è stimolante e impegnativo. 

Un altro punto forte è la gente. Puoi pelare cinque chili di patate, che non è qualcosa che la gente considera glamour, ma se sei tra persone con cui ti piace passare il tempo e avere buone conversazioni, pelare cinque chili di patate è divertente, no?

Per me, le persone di cui mi circonderò sono un aspetto estremamente importante e le persone che ho incontrato presso VTEX sono straordinarie. Mi piacciono molto le conversazioni, il livello di intelligenza emotiva, la visione audace e le sfide che mi propongono. 

Quello che facciamo a VTEX è ben lontano dal pelare cinque chili di patate. Penso che sia molto più divertente, ma questo è un buon modo per illustrare che stiamo lavorando a un grande progetto con belle persone al fianco, il che è fantastico.

E come pensi che le leader dovrebbero gestire l’armonia tra lavoro e vita privata? Sappiamo che stai aspettando un secondo bambino (congratulazioni, a proposito!), quindi le cose devono essere complicate. 

Fernanda: Non credo che l’armonia tra lavoro e vita privata abbia necessariamente a che fare con la quantità di tempo che si trascorre lavorando; si può lavorare molte ore e non essere una persona super-stressata o lavorare pochissime ore ed essere la persona più stressata del mondo. Quindi si tratta davvero di come bilanciare tutto ciò che è importante per te.

Devi identificare ciò che è importante e ciò che ti dà energia. Per me, la cura di sé è fondamentale. Ho bisogno di fare i miei esercizi, e mi piace anche cucinare e passare il tempo all’aria aperta. Quindi mi assicuro di mettere da parte del tempo per queste attività, perché prima devo mettere la mia maschera d’ossigeno per poterla mettere agli altri più tardi. Ma non esiste una soluzione perfetta. 

Puoi dare qualche consiglio di leadership alle donne che decidono di intraprendere una carriera manageriale?

Fernanda: La prima cosa che dico alle persone è che se stanno cercando di entrare nel management ma gli piace il lavoro che fanno come collaboratori individuali, non dovrebbero essere manager, perché più si spostano in ruoli di leadership, meno faranno il lavoro che amano. Quindi, a meno che non si sentano a loro agio nel rinunciarvi, è meglio non cominciare. 

E l’altra cosa è chiedere ciò che si vuole, che sia legato alla carriera o meno. Penso che le donne e le ragazze tendano a credere che se fanno tutto bene, le cose buone accadranno da sole. Ma non è così che funzionano le cose. Devi chiarire cosa vuoi, cosa ti aspetti, non prendere i feedback personalmente e poi le cose cominceranno ad accadere e il gap di leadership si chiuderà. 

Sono ottimi consigli, grazie mille per averli condivisi con noi! Sei un’ispirazione per molte donne nel settore della tecnologia, oltre che una madre coraggiosa. Buona fortuna in questa nuova sfida, siamo sicuri che farai grandi cose. 

Fernanda:  Grazie!

Restate sintonizzati per altre storie ispiratrici delle nostre donne leader. 

Leggi altre: storie simili a questa
Culture

Women in Leadership #3: Astha Malik, COO di VTEX

Noi di VTEX, siamo fieri della nostra leadership femminile. Ecco perché abbiamo dato il via alla nostra serie…

Andreea Pop
Andreea Pop
Culture

Women in Leadership #2: Daniela Jurado, EMEA General Manager presso VTEX

Eccoci di ritorno con un’altra puntata della nostra serie di contenuti Women in Leadership, in cui celebriamo la…

Andreea Pop
Andreea Pop
Culture

Come un tirocinante di VTEX ha raddoppiato le entrate di uno tra i più importanti retailer

In quanto membri di VTEX abbiamo alcuni obblighi: uno è garantire il successo dei nostri clienti, e un…

Lucila Thompson
Lucila Thompson
Culture

Beyond Predictable – Superare le sfide della carriera con fiducia e integrità

Prendere decisioni su questioni non banali può essere scoraggiante, ma sicuramente non deve paralizzare. Il segno distintivo di…

VTEX
VTEX
Culture

Lavorare nel tech: un’opportunità per tutti

Tante persone in cerca di lavoro e provenienti da settori diversi da quello tecnologico vedono le aziende tech…

Andreea Pop
Andreea Pop
Scoprine di più