Dropshipping: che cos’è?

Quando si tratta di gestire un’operazione ecommerce, bisogna prendere in considerazione diversi fattori chiave, specialmente quelli che riguardano la gestione delle scorte, la logistica e la consegna dell’ultimo miglio, non solo la disponibilità del prodotto o le promozioni dedicate ai clienti. Un modello di business di dropshipping è uno strumento che aiuta nelle operazioni ecommerce, aggiungendo valore a quello che dovrebbe essere un sistema completo e particolareggiato.

Oggi circa il 27% dei retailer online utilizza il dropshipping, un modello che è anche diventato una fonte alternativa di reddito per molte persone a causa dei cambiamenti economici. In questo articolo esamineremo cos’è il dropshipping, i suoi vantaggi, come funziona e cosa tenere d’occhio, sia nel caso in cui si voglia lanciare un nuovo business o si abbia già un’attività avviata.

Che cos’è il dropshipping?

Il dropshipping è un metodo di evasione degli ordini che utilizza un venditore di terze parti come agente di spedizione, svincolando le aziende dalla necessità di stoccare i prodotti in magazzino. Adottando il modello di dropshipping, il negozio online è responsabile unicamente della vendita del prodotto, mentre l’imballaggio, la consegna dell’ultimo miglio e l’intera logistica sono responsabilità di un’altra persona o azienda.

Ecco un esempio: il proprietario di una piccola attività di gioielli ha più di 100 SKU registrati nel suo sito web, ma gestisce l’operazione da casa insieme a un piccolo gruppo di persone e senza disporre di una grande struttura. Tramite il dropshipping, invece di tenere tutto lo stock in casa (o anche in uno spazio affittato), il proprietario può cercare venditori di terze parti per elaborare l’ordine e spedire il prodotto al cliente.

È un modello che offre opportunità a tutti: i venditori possono beneficiare della praticità e della riduzione dei costi derivanti dall’esternalizzazione della logistica, mentre altri possono cogliere l’opportunità di monetizzare vendendo prodotti di terze parti. 

Tuttavia, come per qualsiasi tipo di business, il dropshipping presenta vantaggi e svantaggi per entrambe le parti. Li approfondiremo qui di seguito. 

Come funziona?

Ora che sai cos’è il dropshipping e ne conosci le sfumature, diamo un’occhiata più da vicino. Nel dropshipping la filiera è il processo di trasferimento di un prodotto dal produttore al cliente. Ecco come funziona:

La filiera è composta da tre parti:

  • Produttore: il creatore dei prodotti di cui tu sarai responsabile per il dropshipping; vende questi articoli in grandi quantità ai fornitori e ai grossisti.
  • Fornitore/grossista: la persona che compra i prodotti dai produttori e li rivende ai retailer.
  • Retailer: la persona che vende i prodotti direttamente al cliente: tu! Rappresenti il punto vendita per i tuoi clienti.

Vantaggi del dropshipping

Per il dropshipper

È facile

È semplice avviare un’attività di dropshipping. Molte piattaforme di ecommerce e altri fornitori offrono un rapido onboarding di dropshipping per chiunque sia interessato. Inoltre, con la facilità con cui è possibile iniziare, rimane più tempo da investire sulle strategie per avvicinare fornitori e produttori alla tua azienda.

Concentrarsi sulla spedizione: questo è tutto!

Con il dropshipping l’unica cosa di cui ti devi preoccupare sono le varie fasi di un’operazione logistica: la gestione delle scorte, il prelievo, l’imballaggio, l’elaborazione degli ordini e infine la spedizione al cliente. Il risparmio di tempo è un fattore di cui beneficiano tutti: anche il proprietario dell’attività risparmia tempo grazie all’esternalizzazione della consegna dell’ultimo miglio.

Per i business

Vendere qualsiasi cosa ovunque 

Il punto forte di un’operazione di dropshipping è che qualcun altro si occupa della spedizione al posto tuo. La libertà che ne deriva è quella di poter vendere diversi prodotti ovunque si trovi la tua azienda. Con un’operazione di dropshipping, puoi spedire prodotti in qualsiasi parte del mondo, a condizione che i costi siano vantaggiosi.

Protezione dall’overselling

Tutti vorrebbero poter prevedere il futuro, soprattutto coloro che lavorano con l’ecommerce affrontando le fluttuazioni del mercato e venendo colti di sorpresa molto spesso. I costi di overstocking sono un vero punto dolente: essere in grado di esternalizzare il processo di spedizione a qualcun altro può far risparmiare denaro senza perdere occasioni di vendita per non aver offerto abbastanza prodotti.

Libertà di testare i prodotti

Simile all’argomento citato sopra, le previsioni relative al dropshipping vanno al di là dell’ordinare abbastanza prodotti e gestire correttamente il budget dedicato al tuo stock. Invece di scommettere alla cieca su un prodotto non testato e imprevedibile, usa il dropshipping per un periodo di prova. Vedrai se vende abbastanza e quanto comprare in caso di un prossimo lancio del prodotto.

Possibili svantaggi del dropshipping

Per il dropshipper

Branding 

Essere un venditore di terze parti ti dà poco o nessun controllo sulla personalizzazione di prodotti, etichette, confezioni e altri elementi di spedizione. Come i ghostwriter o gli autori delle canzoni, i dropshipper devono capire che il merito del loro lavoro va a qualcun altro. 

Se i prodotti che vendi sono straordinari, sappi che i tuoi clienti si concentreranno principalmente sul marchio del prodotto e dimenticheranno del tutto l’esperienza di acquisto, anche se questa resta comunque un elemento fondamentale. Dopo tutto non è il tuo logo ad ad apparire sulla confezione.

Margini di profitto bassi

C’è molta concorrenza quando si tratta di stabilire un’operazione di dropshipping valida e affidabile. Offrire tariffe basse può essere una soluzione che non permetterà di guadagnare bene sin da subito, ma in futuro aprirà l’opportunità di costruire la fiducia attraverso strategie di marketing e di vendita.

Nessun controllo sulla filiera 

Nell’ecommerce ordinario, se i clienti si lamentano della qualità del prodotto, della velocità del fulfilment o delle politiche di restituzione, puoi affrontare i problemi da solo. Nel dropshipping, sei più o meno alla mercé del tuo fornitore, ma allo stesso tempo sei tu che devi affrontare direttamente i clienti.

Per i business

L’assistenza clienti può essere difficile 

È bello non doversi occupare da soli della gestione dell’inventario fino a quando non si riceve un reclamo da un cliente arrabbiato. Quando i fornitori falliscono con i tuoi ordini, sei tu che ti prendi la colpa. Sii pronto a scusarti profondamente e a fornire un’eccellente assistenza clienti per evitare di ricevere recensioni negative. 

Avviare un’attività di dropshipping

Il futuro è globale e collaborativo, soprattutto quando si tratta di negozi ecommerce, vecchi e nuovi! Investire nel dropshipping, esternalizzare o avviare un’attività di dropshipping evidenzia questo aspetto del commercio digitale.

Ci sono diversi modi per avviare un business nella nicchia del dropshipping. Che si tratti di un prodotto specifico o di una gamma di prodotti, il dropshipping è un business a lungo termine che con pazienza, attenzione e il giusto tipo di ricerca e investimento può essere redditizio per tutte le parti coinvolte. Quando si tratta di strumenti, le piattaforme di ecommerce forniscono ogni tipo di funzionalità progettata per migliorare in differenti aree. 

Ad esempio qui in VTEX i clienti sono in grado di connettersi con i venditori e, sfruttando il nostro OMS nativo, possono orchestrare le loro operazioni: gestire la logistica degli ordini, visualizzare il flusso degli ordini, lo stato degli stessi e molto altro ancora.

Leggi altre: storie simili a questa
Trends

Usedesk, il vincitore di VTEX Accelerator, ottimizza il servizio clienti

Nelle operazioni di ecommerce di solito si crede che quando si tratta di servizio clientI sia necessario scegliere…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

I 4 retailer che dimostrano l’efficacia del Live Shopping

Il Live Shopping, l’esperienza di acquisto online che combina un video in diretta con le funzionalità di un…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

L’azienda che ha vinto VTEX Accelerator, Photoslurp, mescola i contenuti creati dagli utenti all’ecommerce

I social network hanno trasformato milioni di persone in creatori di contenuti durante l’ultimo decennio. L’ascesa degli influencer…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

L’ascesa degli abbonamenti nel settore del retail

Il modello degli abbonamenti nel panorama del retail non è una novità: è sempre stato presente, anche molto…

Gabriela Porto
Gabriela Porto
Trends

ChatCenter, vincitore del VTEX Accelerator Program, sta umanizzando l’assistenza clienti nell’ecommerce

L’automazione richiesta dall’ecommerce ha permesso sia alle aziende di risparmiare sui costi legati alle vendite sia ai clienti…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Trends

Il modello dell’economia circolare: buone pratiche per l’ecommerce

“Economia circolare” è diventata un’espressione estremamente popolare negli ultimi anni. L’economia circolare viene percepita come la soluzione all’attuale…

Sorana Gheorghiade
Sorana Gheorghiade
Trends

Commercio conversazionale: Una tendenza del retail online da adottare

Se c’è una cosa che il distanziamento sociale imposto dalla pandemia ha dimostrato è che gli umani apprezzano…

Gabriela Porto
Gabriela Porto
Trends

5 elementi che mostrano che il futuro dell’ecommerce è il Live Shopping

Il Live Shopping, l’esperienza di shopping online che combina un video in live streaming con le funzionalità di…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Non categorizzato

Cos’è il live shopping?

Nel 2020 i lockdown hanno reso difficile o quasi impossibile recarsi fisicamente nei negozi, eliminando così tutti gli…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Scoprine di più