Strategia

Come il metodo MoSCoW può aiutarti durante un progetto di replatforming di un ecommerce

Gabriela Porto
Gabriela Porto January 4, 2022
Come il metodo MoSCoW può aiutarti durante un progetto di replatforming di un ecommerce

A causa di diversi fattori come i numerosi dettagli, le task dispendiose in termini di tempo e costi, il processo di replatforming dell’ecommerce implica diverse scelte che devono essere fatte in modo strategico e allineate alla visione dell’azienda relativamente al futuro desiderato e agli obiettivi principali. Tutto ciò deve essere realizzato risparmiando tempo e denaro e sfruttando al massimo i sistemi già esistenti.

In questo senso, scegliere a quali funzionalità dare la priorità quando si inizia il progetto è un lavoro difficile. Per farlo è necessario capire lo scenario attuale del business, dove è diretto e come i settori specifici osservano l’espansione del commercio digitale. Solo a partire da questi elementi si dovrebbe cercare di capire su quali argomenti concentrarsi prima e così di seguito. 

Ci sono molti modi per definire quali sono le decisioni da prendere, quando prenderle e come: attraverso la ricerca, l’analisi delle tendenze, le sessioni di brainstorming e/o la definizione delle priorità. Non importa in che modo lo fai, l’obiettivo finale è lo stesso: classificare i requisiti e ridurre quella lunga lista di funzionalità del nuovo sito ecommerce. 

Un ottimo metodo da usare in questo caso è il MoSCoW, usato per lo più da manager, decision-maker e team quando si inizia un nuovo progetto.

Cos’è il metodo MoSCoW? 

Il metodo MoSCoW è un esercizio di prioritizzazione basato sulla suddivisione in quattro categorie di tutto ciò che è necessario per completare un progetto, seguendo l’acronimo MoSCoW, che in questo caso significa:

  • Must-have: sono le funzionalità assolutamente necessarie per raggiungere gli obiettivi;
  • Should-have: queste funzionalità sarebbero utili, ma il successo generale della piattaforma non dipende da esse;
  • Could-have: funzionalità che si possono aggiungere, purché non influiscano sul completamento o sulla portata del progetto;
  • Would-like-to-have: funzionalità che ti piacerebbe avere fin da subito ma che è possibile implementare anche in un secondo momento.

Questo metodo aiuta le aziende di tutto il mondo a bilanciare ricompense e risorse, sfruttando al massimo le ricompense e utilizzando meno risorse. Nel mondo ecommerce è molto usato per definire la differenza tra le esigenze di base e qualsiasi funzionalità extra che i negozi online vogliono avere nel loro progetto di replatforming.

Usare il metodo MoSCoW per il replatforming

Dalla struttura della migrazione dei dati, attraverso nuove e utili integrazioni, al miglioramento dell’esperienza del cliente e del tasso di conversione, tutti gli elementi devono essere considerati in una migrazione della piattaforma di ecommerce e quando si applica il metodo MoSCoW. Inoltre le aziende possono usarlo per calcolare meglio il costo totale dell’opportunità del replatforming.

Per applicare meglio il metodo, il primo consiglio è quello di fare una lista di tutto ciò che il tuo team può considerare necessario durante la migrazione. A partire dal trasferimento di informazioni come i dati del prodotto e del cliente alle diverse funzionalità che la nuova piattaforma ecommerce può portare al business online. Tutto sommato, è un esercizio divertente per ordinare le priorità e assicurarsi che tutti nel tuo team abbiano la stessa visione e comprensione del futuro dell’azienda.

Must-have:

I must-have sono la parte più importante del metodo e dovrebbero includere tutto ciò che è assolutamente necessario per il processo di migrazione. Questo passo riguarda la semplicità: cosa dovresti fare per raggiungere l’obiettivo principale del replatforming? Quali sono le cose di cui il tuo ecommerce non può fare a meno?

Assicurati che tutte le esigenze fondamentali per un’operazione di ecommerce sana siano garantite durante il processo di replatforming. Questo esercizio di prioritizzazione non è utile solo per definire cosa fare, ma anche per definire quanto velocemente qualcosa dovrebbe essere fatto. 

Per esempio, un’analisi SEO del sito web e un efficace trasferimento di dati del catalogo e della tassonomia sono passi essenziali quando si migrano le pagine dei prodotti. Come farlo correttamente? Assumere un’agenzia esterna è una buona soluzione e probabilmente una delle prime cose da fare. Qualsiasi tipo di gestione dei contenuti all’interno del tuo sito ecommerce dovrebbe essere una priorità anche per i retailer online. 

Assicurati che la tua nuova piattaforma ecommerce offra modi facili e veloci per fare la migrazione, specialmente una soluzione all-in-one come VTEX. Con un sistema di gestione degli ordini integrato, la migrazione dei dati è più facile e il risultato finale è una visione chiara di tutte le operazioni del negozio.

Visione a prova di futuro

Avere una visione a prova di futuro all’interno di una piattaforma ecommerce è poter sapere quanto si può fare all’interno di quella stessa piattaforma senza dover migrare costantemente a causa dell’obsolescenza. 

Caratteristiche come la scalabilità e gli aggiornamenti automatici, per lo più offerti da piattaforme cloud o SaaS, sono tra le più popolari. Oltre a ciò, ci sono funzionalità headless e componenti facili da aggiungere, che rendono facile l’integrazione di qualsiasi nuova idea che emerga improvvisamente.

Should-have

“Should-have” sono le funzionalità che non influenzano l’intero risultato del processo di replatforming. Se riesci ad integrare tutte le funzionalità “shoul-have”, meglio. In caso contrario, è possibile aspettare un momento più idoneo del processo di migrazione. 

Un buon esempio è la migrazione a una piattaforma di ecommerce che offra il marketplace come modalità di vendita. Se la tua azienda non è ancora concentrata sulle operazioni di marketplace, non c’è bisogno di dare la priorità a questo. Ma considera che i marketplace sono una tendenza e che la maggior parte dei siti di ecommerce seguiranno questa strada. Pertanto è bene considerarlo come una funzionalità “should-have”.

L’importante è essere preparati, perché alcuni elementi potrebbero diventare dei must a seconda del ritmo del progetto. Come abbiamo detto, il replatforming è impegnativo e ci saranno alcuni ostacoli sul percorso, quindi cerca di ridefinire le priorità delle task mentre implementi la nuova piattaforma.

Could-have

Alcune di queste funzionalità possono essere un nuovo metodo di pagamento, per esempio. Questa sarà una nuova caratteristica all’interno dell’ambito finanziario della migrazione, a condizione che non danneggi nessun altro progetto in corso proveniente dal dipartimento finanziario. 

A volte le funzionalità could-have raccolgono una lista di cose che non era possibile fare con la piattaforma precedente ma che sono disponibili su quella nuova. Non confondere le cose, però, e ricorda che le funzionalità could-have sono di solito in aggiunta alle funzionalità essenziali e sono un modo per migliorarle quando si compie una migrazione. Inoltre, tieni a mente non solo le tue esigenze aziendali, ma anche alcune esigenze dei tuoi clienti quando definisci queste funzionalità. 

Would-like-to-have

Questa è la fase del sogno. Hai mai pensato di aggiungere idee folli ed inedite al tuo business ma raramente hai trovato il momento giusto o investito abbastanza risorse per integrarle? Ecco cosa significa la W di MoSCoW. Elenca ogni idea e condividila con il tuo team per capire che tipo di priorità dovresti dare loro. 

Inoltre, organizzare tutte queste funzionalità è un buon modo per scegliere la piattaforma ecommerce ideale per il tuo modello di business, in quanto può darti un’idea di ciò che è possibile fare in base alle esigenze future del tuo business online.

Il metodo MoSCoW in sintesi

Il metodo MoSCoW è un ottimo modo per definire quali priorità sono necessarie al tuo business non solo durante un progetto di replatforming, ma anche quando si tratta di capire strategie nuove e quando seguirle. Non c’è modo di prevedere il futuro del commercio digitale, ma ci sono modi per essere preparati. Organizzare i tuoi desideri e bisogni attraverso il metodo MoSCoW è un buon primo passo in questa direzione.

Leggi altre: storie simili a questa
Strategia

Come rendere il tuo ecommerce B2B più accattivante

L’ecommerce è cresciuto molto negli ultimi anni ed è diventato sempre più presente nella vita di molti consumatori.…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Strategia

Come l’app VTEX Live Shopping può incrementare la tua crescita

Il Live Shopping è considerato il futuro dell’ecommerce e ha catturato l’attenzione di molti brand che vogliono far…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Strategia

Come i contenuti di Live Shopping possono avere un impatto che va oltre lo streaming

Il Live Shopping è una delle tendenze più importanti nel prossimo futuro dell’ecommerce, soprattutto per l’elevato coinvolgimento che…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Strategia

Le migliori pratiche per la gestione omnicanale

Quando si parla di omnicanale, si pensa che sia un concetto nuovo creato dai professionisti del campo. Ciò…

Kathy Dyer
Kathy Dyer
Strategia

Cosa dovrebbero tenere in considerazione i brand di elettronica di consumo quando scelgono una piattaforma ecommerce

Il mercato dell’elettronica di consumo è uno dei settori che ha maggior successo nel mondo dell’ecommerce. Le aziende…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Strategia

Competenze ecommerce di un professionista del commercio digitale

Essendo un’azienda che mira a diventare la voce di riferimento del settore del commercio digitale, VTEX comprende il…

Adriane Almeida
Adriane Almeida
Strategia

Come sviluppare una strategia omnicanale: quattro elementi da considerare

Cos’è una strategia omnicanale? La strategia omnicanale riunisce il commercio digitale, il commercio fisico, il commercio multicanale, il…

Robert Cain
Robert Cain
Strategia

Nove differenze fondamentali tra ecommerce B2C e B2B

Hai mai pensato a come ogni modello di business richiede un’architettura e un insieme di caratteristiche differenti? Un…

Iris Irikura
Iris Irikura
Strategia

Che cosa può offrire una piattaforma di commercio omnicanale ai retailer?

Quando si entra nel retail, nessuno pensa: “Venderò per sempre questo prodotto, a questo esatto prezzo, su questo…

Cody Stapleton
Cody Stapleton
Scoprine di più