COVID-19: un nuovo inizio per il mondo

Mariano Gomide de Faria
Mariano
5 Apr 2020

Il nuovo coronavirus ha messo il mondo in una situazione senza precedenti, un evento mai visto prima d’ora nella nostra generazione. Ovviamente, eravamo stati testimoni di altre epidemie come SARS, MERS e H1N1. Senza dimenticare la crisi finanziaria del 2008 causata dai mutui subprime negli Stati Uniti che, successivamente, portò al crollo del sistema bancario internazionale e a quella che venne definita la peggior crisi finanziaria dai tempi della Grande Depressione.

Nessuna delle precedenti epidemie aveva colpito il mondo come ha invece fatto il COVID-19. La sua rapida diffusione ha forzato i governi a imporre misure di quarantena che si prevede influenzeranno l’economia globale in modo grave e simile al periodo successivo alla seconda guerra mondiale.

Il mondo sarà completamente differente una volta che questa pandemia terminerà. Ora, la sfida è capire quanto rapidamente saremo in grado di adattarci a vivere e fare affari nella nostra nuova realtà. A partire da ora.

 

Il mondo del commercio a un nuovo inizio

Nel Regno Unito, rivenditori come Next, River Island e TK Maxx hanno chiuso le proprie attività online, i magazzini e i centri di distribuzione a causa di preoccupazioni relative alla salute del proprio personale. D’altra parte, le vendite online di prodotti di consumo comuni sono salite del 357% su VTEX, comparando i dati della terza settimana di marzo con quelli del mese precedente.

Mentre questo cambiamento nel comportamento del consumatore presenta delle opportunità per alcuni rivenditori, evidenzia anche delle problematiche infrastrutturali e per quanto riguarda il flusso di lavoro. Infatti, i negozi online che non hanno ancora implementato un’infrastruttura multitenant basata sul cloud potrebbero dover affrontare un momento di instabilità catastrofica. Questo è successo il 13 marzo al supermercato britannico Ocado, dove è possibile acquistare solo online. Gli acquirenti in grado di evitare i crash del sito Web e dell’app sono stati in grado di prenotare le consegne solamente per la settimana successiva.

In un rapporto recente, IDC dichiara che in momenti di questo genere tutti i sistemi aziendali, includendo ERP, approvvigionamento, manifatturiero, finanziario e catena di approvvigionamento, devono essere ben strutturati per poter gestire nuove strategie e comportamenti.

Ora più che mai, la capacità di rispondere rapidamente alla crisi sarà la prova del nove per le persone e le compagnie. La prontezza nell’intraprendere le azioni necessarie a mitigare i rischi, riducendo di conseguenza l’impatto negativo sulle proprie attività, risulterà decisiva per la sopravvivenza della propria azienda. Di seguito condividiamo alcune storie che evidenziano come alcuni dei nostri clienti mondiali siano intervenuti per affrontare queste difficoltà.

 

Da Miniprix a Minimarket

Il brand romeno di moda Miniprix deve il 75% dei suoi guadagni ai negozi fisici. Dopo aver registrato la diminuzione delle vendite a causa della pandemia causata dal COVID-19, l’azienda è intervenuta rapidamente e ha lanciato Minimarket nel giro di una settimana, mettendo a disposizione prodotti per la casa e non deperibili.

I feedback dei clienti definiscono i prodotti offerti nel nuovissimo negozio online di beni alimentari. Recentemente, Miniprix ha esteso la sua offerta per includere prodotti freschi, disponibili per i residenti di Bucarest, e “cassette in offerta” con prodotti coltivati localmente. Ora, grazie ai risultati ottenuti, Miniprix sta pianificando di trasformare Minimarket in un’unità aziendale indipendente.

 

Le piattaforme marketplace spingono al commercio collaborativo

Visto l’obbligo imposto alle persone di rispettare la distanza di sicurezza e il fatto che molti uffici stanno chiudendo in tutta Europa, le aziende romene F64 e Dacris, rispettivamente un rivenditore di attrezzatura fotografica e video e un negozio di forniture B2B per ufficio, si sono unite per rispondere alle nuove richieste dei clienti che lavorano in remoto.

Utilizzando la piattaforma marketplace di VTEX, F64 ha iniziato a vendere attrezzature per ufficio tramite il proprio sito Web e gli ordini vengono quindi gestiti da Dacris. Viceversa, Dacris sta integrando il proprio inventario in quello di F64 per vendere videocamere, microfoni e attrezzature home studio per la videoconferenza.

In Colombia, l’enorme ipermercato Grupo Exito sta usando i servizi offerti dalla piattaforma marketplace di VTEX per mettersi in contatto con oltre 1.000 rivenditori. Si tratta di una delle possibilità per ampliare l’inventario e le linee di prodotti, permettendo al contempo ai piccoli commercianti di raggiungere un nuovo pubblico.

Queste aziende non sono le uniche. I dati di VTEX, aggregati da tutti i marketplace sulla piattaforma, mostrano che la strategia è di tendenza. Abbiamo registrato oltre 92.000 ordini dal 1° al 22° giorno di marzo rispetto ai 50.000 ordini di febbraio.

 

Trasformazione dei negozi fisici in centri di distribuzione

In Brasile, una delle misure più comuni eseguita dai governi locali è stata la chiusura dei centri commerciali e dei negozi fisici, escludendo supermercati, negozi di prodotti per animali e farmacie. Questo ha colpito fortemente il rivenditore di giocattoli RiHappy, il quale basa il suo lavoro sulle attività omnichannel e nei negozi fisici.

Agendo rapidamente, il brand è stato in grado di dare un nuovo utilizzo ai suoi negozi, trasformandoli in centri di distribuzione, migliorando le attività di smistamento dal negozio e riducendo così i tempi di consegna. Questo ha inoltre permesso una gestione più sostenibile dell’inventario, riducendo la mancanza di oggetti nel catalogo dell’e-commerce.

 

Ogni interruzione porta a nuove prospettive

Questi sono solamente alcuni esempi di come i rivenditori abbiano modificato i propri modelli aziendali in risposta alle richieste del nuovo mondo creato dalla pandemia. Qui a VTEX, stiamo garantendo la massima assistenza ai nostri clienti sfruttando al meglio le nostre competenze. E abbiamo appreso molto dai nostri clienti a livello mondiale.

Registrati e unisciti al nostro webinar per ascoltare altri casi che descrivono trasformazioni aziendali eseguite da clienti provenienti da ogni parte del mondo, potrai così approfondire strategie e risultati e apprendere come poter rapidamente implementare soluzioni pratiche e ideali per un’azienda moderna.

(IDC, Pandemics Increase the Need for Digital Enterprise, Marzo 2020)