Strategia

I marketplace fashion che hanno successo nel mondo dell’ecommerce

Andreea Pop
Andreea Pop January 19, 2022
I marketplace fashion che hanno successo nel mondo dell’ecommerce

I marketplace online hanno avuto una crescita enorme negli ultimi anni. Sono caratterizzati dall’essere composti da diversi venditori terzi che vendono su un unico touchpoint e che si occupano autonomamente dell’evasione degli ordini. Nel 2020, spinta dalla pandemia, la spesa sui più grandi marketplace digitali è cresciuta del 29% e ha rappresentato il 62% delle vendite web globali. 

Perché si è vista questa crescita? Perché i marketplace rappresentano un modo più comodo di fare acquisti, dato che i clienti possono scoprire, confrontare e comprare articoli di diversi brand in un unico luogo. Riconoscendo questa proposta di valore, i marketplace hanno iniziato a espandersi ovunque. 

Alcuni brand affermati hanno scelto di integrarsi in questi nuovi canali per varie ragioni: nuovi canali di vendita, accesso a una base di clienti più ampia o anche espansione in nuove aree. Invece altri hanno integrato l’inventario di diversi brand, diventando così essi stessi dei marketplace online.  

Quando si tratta di tipi di marketplace, ci sono molteplici categorizzazioni: aperto o chiuso, B2C o B2B o P2P (o C2C), white-label o branded, eccetera. C’è anche la categorizzazione orizzontale e verticale. Il primo include i marketplace one-stop-shop simili ai grandi magazzini, come Amazon e AliExpress, che coprono tutto e niente, dai mobili all’elettronica, indipendentemente dal settore. Il secondo si concentra su un singolo settore verticale. 

È su questo che sposteremo la nostra attenzione ora. In particolare, analizzeremo i marketplace dedicati alla moda. Continua a leggere per scoprire come è cambiato il panorama e quali sono i principali player globali, sia nell’offerta di prodotti con un prezzo medio più basso sia nella moda di lusso. 

Moda a buon mercato

ASOS

Non esiste lista dei migliori marketplace che non menzioni ASOS. Fondata nel 2000 nel Regno Unito, ASOS ora spedisce in tutto il mondo attraverso un’app e siti web mobile/desktop disponibili in dieci lingue. Il marketplace comprende più di 85.000 prodotti provenienti da 860 brand globali e locali, di cui 40 sono di proprietà (si possono facilmente ricordare le audaci acquisizioni di ASOS come Topshop). 

Stranamente, nonostante sia di default un marketplace, ASOS ha creato nel 2010 il suo cosiddetto ASOS Marketplace, progettato per aiutare gli acquirenti a trovare pezzi unici vintage tra più di 700 boutique. Più recentemente è entrato anche nel business della bellezza, quindi ASOS potrebbe trasformarsi in un marketplace orizzontale prima o poi. 

L’obiettivo di ASOS è quello di diventare “la destinazione numero uno al mondo per i ventenni amanti della moda” ed è sulla buona strada per raggiungerlo. Il sito trova grande popolarità tra la Generazione Z e si rivolge a questo pubblico con la presenza sui social media, l’attenzione alla sostenibilità, il supporto per la comunità LGBTQA+ e attraverso iniziative di beneficenza. Non è una sorpresa che ASOS continui a crescere a grande velocità: fino ad agosto, le entrate per il 2021 sono cresciute del 22% a 3,9 miliardi sterline (≈$5,16 miliardi USD), con un profitto su base annua in aumento del 15%.

Zalando

Mentre ASOS potrebbe essere più trendy, non è il più grande marketplace di moda in Europa: Zalando lo è. Nonostante abbia iniziato come un marketplace di scarpe in Germania, ora ha più di 40 milioni di clienti attivi e consegna in 23 paesi europei un vasto assortimento di 4.500 brand locali e globali. 

Nel Q2 del 2021, Zalando ha visto una grande crescita: il 40% su base annua. Inoltre, i profitti sono arrivati al 6,7%, mentre gli ordini medi per cliente attivo hanno raggiunto la nuova cifra record di 5. Un obiettivo centrale per la piattaforma rimane la sostenibilità, così come la diversità e l’inclusione. 

ZALORA

Fondata nel 2012, ZALORA appartiene al Global Fashion Group ed è la principale destinazione di moda online dell’Asia. In quanto sito di ecommerce di moda più grande e in più rapida crescita nel sud-est asiatico, offre una vasta collezione di oltre 500 brand nei mercati in cui gli acquirenti sono digitalmente esperti come Singapore, Malesia e Brunei, Filippine, Hong Kong e Taiwan. 

A partire dal Q2 del 2021, c’è stata una crescita del 32% su base annua relativamente al GMV di ZALORA, guidata da una crescita del 20% dei clienti attivi. Rispondendo al crescente interesse dei consumatori per lo shopping online, ZALORA ha anche riportato un aumento del 19% dei nuovi brand che si sono uniti al suo marketplace nel 2021.

Dafiti

Molto conosciuta in America Latina, Dafiti è presente in Brasile, Argentina, Cile e Colombia. Anche se un po’ più piccola delle altre filiali del Global Fashion Group, Dafiti ha 60 milioni di visite al mese e più di 5 milioni di clienti attivi. La sua proposta di valore è fortemente incentrata sulla tecnologia, tanto che il brand è riconosciuto come un player ‘fashiontech’.  

All’inizio del 2021, Dafiti ha annunciato una crescita annuale del 31% del valore netto della merce in tutta l’America Latina. Inoltre, il marketplace è impegnato in esclusive collaborazioni digital-first con artisti del calibro di Forever 21, cosa che ancora una volta conferma il potere dell’ecommerce nell’aiutare i brand danneggiati durante l’apocalisse del retail.  

THE ICONIC

Azienda sorella di ZALORA e Dafiti, THE ICONIC è un marketplace dedicato al retail di moda e sport con sede a Sydney. Lanciato nel 2011, serve principalmente i mercati australiano e neozelandese con più di 1.700 brand di abbigliamento e oltre 80.000 prodotti, la maggior parte dei quali sono fast fashion o di fascia media. La sua applicazione mobile è anche la chiave della sua strategia di crescita, essendo il mezzo di shopping preferito dai suoi più di 17 milioni di utenti mensili. 

ABOUT YOU

Filiale di Otto, un marketplace orizzontale tedesco, ABOUT YOU è specializzato nella moda. Attualmente opera in 23 paesi ed è una delle imprese di ecommerce in più rapida crescita grazie ai suoi 30 milioni di utenti mensili e oltre 2.000 marchi disponibili. 

All’inizio del 2021, ABOUT YOU ha superato per la prima volta 1 miliardo di euro di fatturato durante il primo trimestre dal lancio nel 2014. Dopo la pandemia di COVID-19, ha anche visto un aumento del 57% su base annua per l’intero anno 2020 e le tendenze al rialzo non sembrano fermarsi presto. 

Fashion Days

Questa è una menzione d’onore. Fondato nel 2009 da imprenditori svizzeri ma con un focus sull’Europa dell’Est, Fashion Days è il player emergente che gli altri marketplace di moda dovrebbero osservare bene. Azienda sorella del più grande marketplace orizzontale della regione chiamato eMAG, Fashion Days serve più di 700.000 clienti tra Romania, Bulgaria e Ungheria. 

Con oltre 500.000 SKU relativi a più di 1000 marchi, il sito e l’app forniscono un facile accesso a prezzi fortemente scontati anche per gli articoli di fascia alta, creando così un ponte tra la moda a buon mercato e quella di lusso. 

Fashion Days sta perfezionando la sua ricetta vincente in patria con la speranza di espandersi con successo in tutta Europa e nel mondo, quindi la concorrenza sta per diventare più feroce.

Luxury fashion

Prima di immergerci in profondità nei profili dei grandi player, è necessario evidenziare alcune considerazioni chiave su questa nicchia del retail. Prima di tutto, il settore del lusso è stato tristemente lento ad abbracciare il digitale, ma le cose sembrano cambiare. Infatti, Bain & Company stima che quasi un terzo di tutti gli acquisti di lusso avverrà in modo digitale entro il 2025, con un fatturato di circa 136 miliardi di dollari.

Un importante motore di questo cambiamento risiede nei marketplace della moda di lusso. Questi portano ancora più valore aggiunto rispetto ai marketplace di moda a buon mercato, poiché il modello di business permette facilmente le transazioni transfrontaliere. Con un marketplace che spedisce in tutto il mondo, gli acquirenti non devono viaggiare per accaparrarsi articoli costosi a prezzi più bassi e locali. 

Tuttavia, gli scettici evidenziano alcuni svantaggi che fanno sì che le operazioni rimangano DTC. Alcuni marchi di lusso percepiscono la perdita del controllo del rapporto diretto con i clienti e dell’esperienza di acquisto, essenziale nel business, come potenziali pericoli. Inoltre, i brand di fascia alta sono molto attenti a chi associarsi, poiché parte del loro prezzo si basa sul riconoscimento del brand: non abbiamo ancora visto Gucci su ASOS, per esempio. Tutto sommato, la proposta di valore del marketplace deve corrispondere al prestigio e al pubblico del marchio. 

Nonostante questi ostacoli, alcune iniziative di marketplace sembrano aver trovato la formula giusta. 

FARFETCH

Oggi il primo marketplace di lusso che viene in mente è FARFETCH. Autodefinitosi “la piattaforma globale del lusso”, FARFETCH è nato nel 2007 per amore della moda. Per consolidare la sua posizione, FARFETCH è arrivato al punto di acquisire la boutique di beni di lusso Browns nel 2015, completa dei suoi negozi fisici. 

Oggi, il marketplace collega i clienti di oltre 190 paesi con articoli di più di 1.400 brand di moda, boutique e grandi magazzini. Questi articoli vengono spediti agli studi fotografici di FARFETCH per assicurare che il look-and-feel del sito web sia armonico e coerente, dimostrando un’incredibile attenzione ai dettagli e la consapevolezza dei requisiti del settore del lusso. 

L’esperienza unica di shopping offerta dalla piattaforma, così come il suo elevato AOV, hanno fatto salire il GMV del marketplace durante il Q3 del 2021 a 828 milioni di dollari, segnalando una crescita su base annua del 23% e una crescita biennale del 97%. Chi ha detto che il lusso non può essere digitalizzato?

italist

Come promette il nome, oltre 1.000 brand di lusso, per lo più italiani, vendono circa 200.000 prodotti su italist. Il marketplace è orgoglioso di essere in grado di offrire spedizioni rapide in tutto il mondo e prezzi retail italiani che si traducono in un risparmio del 30-40% rispetto ai prezzi retail globali. 

Italist è nato nella Silicon Valley nel 2014, è quindi facile comprendere la sua affinità con la tecnologia che permette agli acquirenti globali di acquistare beni di lusso da oltre 250 boutique indipendenti a Milano, Firenze e Roma. Questo è stato un modello di business molto apprezzato durante la crisi sanitaria globale. Nel 2020 il 60% degli acquirenti dei retailer erano clienti abituali. 

Net-A-Porter

Rivolto esclusivamente alle donne, Net-A-Porter è stato lanciato nel 2000 a Londra ed è ora riconosciuto come una delle principali destinazioni della moda di lusso. Spedisce in 170 paesi articoli provenienti da 800 brand esclusivi e si attiene agli stessi standard elevati di FARFETCH in termini di fotografia e visualizzazione digitale dei prodotti.

Se non ti ha sorpreso l’inclusione di Net-A-Porter nella nostra lista, il punto è che Net-A-Porter è in realtà un retailer di moda multimarca e non un marketplace a prova di tutto, poiché immagazzina la maggior parte dello stock che vende, il che a sua volta gli permette di spedire velocemente. 

Tuttavia una recente partnership di dropshipping con Prada ha giustamente suscitato molto scalpore, perché è la prima di questo tipo per Prada e perché potrebbe segnalare la trasformazione di Net-A-Porter in qualcosa di più grande e più audace. 

Il nuovo volto del settore della moda

Ecco qui i profili dei migliori marketplace di moda che stanno conquistando il mondo del retail. Questa accanita concorrenza, che non farà che acuirsi negli anni a venire, dimostra che il settore della moda sta subendo una trasformazione digitale da due diverse angolazioni: le operazioni direct-to-consumer e i marketplace.  

Come molti esperti sottolineano, la prospettiva dei marketplace viene a volte scartata proprio come lo era l’ecommerce nelle sue prime fasi. Ma brand e retailer non dovrebbero fare gli stessi errori due volte. I casi di successo di cui sopra sono la prova sufficiente che questa non è una tendenza temporanea e che, con la giusta visione e la tecnologia nativa del commercio marketplace, qualsiasi azienda potrebbe ottenere un enorme successo.

Leggi altre: storie simili a questa
Strategia

Come i contenuti di Live Shopping possono avere un impatto che va oltre lo streaming

Il Live Shopping è una delle tendenze più importanti nel prossimo futuro dell’ecommerce, soprattutto per l’elevato coinvolgimento che…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Strategia

Le migliori pratiche per la gestione omnicanale

Quando si parla di omnicanale, si pensa che sia un concetto nuovo creato dai professionisti del campo. Ciò…

Kathy Dyer
Kathy Dyer
Strategia

Cosa dovrebbero tenere in considerazione i brand di elettronica di consumo quando scelgono una piattaforma ecommerce

Il mercato dell’elettronica di consumo è uno dei settori che ha maggior successo nel mondo dell’ecommerce. Le aziende…

Lalo Aguilar
Lalo Aguilar
Strategia

Competenze ecommerce di un professionista del commercio digitale

Essendo un’azienda che mira a diventare la voce di riferimento del settore del commercio digitale, VTEX comprende il…

Adriane Almeida
Adriane Almeida
Strategia

Come sviluppare una strategia omnicanale: quattro elementi da considerare

Cos’è una strategia omnicanale? La strategia omnicanale riunisce il commercio digitale, il commercio fisico, il commercio multicanale, il…

Robert Cain
Robert Cain
Strategia

Nove differenze fondamentali tra ecommerce B2C e B2B

Hai mai pensato a come ogni modello di business richiede un’architettura e un insieme di caratteristiche differenti? Un…

Iris Irikura
Iris Irikura
Strategia

Che cosa può offrire una piattaforma di commercio omnicanale ai retailer?

Quando si entra nel retail, nessuno pensa: “Venderò per sempre questo prodotto, a questo esatto prezzo, su questo…

Cody Stapleton
Cody Stapleton
Strategia

Come integrare il commercio conversazionale nella tua operazione omnicanale

Un paradigma che i brand devono considerare è quello di essere disponibili ovunque si trovino i clienti e…

Diana Mourão
Diana Mourão
Strategia

Conflitto di canale: come identificarlo, gestirlo e prevenirlo

Il mondo del commercio trae molti vantaggi delle nuove tecnologie e delle opportunità di trasformazione digitale. Le soluzioni…

Florimond de Tinguy
Florimond de Tinguy
Scoprine di più